Ricerca personalizzata

L’Atelier Del Riciclo si occupa del riuso creativo di oggetti che apparentemente hanno esaurito la loro funzione ma,  per particolarità delle forme e qualità dei materiali, possono trasformarsi in opera con un nuovo ed elevato valore d’uso.

 

CHE COS’E’ L’ATELIER

Nato come associazione di promozione sociale fondata da creativi nel segno dell’eco-consumo di qualità,  l’Atelier oggi è una comunity e un grande laboratorio di idee volte al recupero  e all'up-cycling di materiali e oggetti nel segno della moda, dell'arte e del design.  

 

 

 

RECYCLED,  NOT  TRASH
Rispetto al passato, rimane valido il concetto di recupero: oltre il 60% di ciò che scartiamo o buttiamo può diventare una risorsa. Ma l’Atelier si stacca dal concetto trash dello scarto per due motivi: recupera solo oggetti di qualità e ne promuove le riqualificazione - nella moda, nell'arte e nel design - e la rielaborazione attraverso percorsi creativi aperti non solo ai professionisti ma anche agli aspiranti eco-stilisti ed eco-designer

 

IDEE E PROGETTI AD PERSONAM 

 Qualsiasi oggetto, anche il più banale, se è bello ha un’anima. Nasconde potenzialità estetico-funzionali che lo rendono fonte d’ispirazione e può diventare quindi qualcosa di unico.  Per questo l’Atelier, 'mette in vetrina' giovani artisti, architetti, artigiani e designer che creano prodotti offrono servizi di nuova concezione: dal relooking di abitazioni e spazi professionali alla creazione di recycled-furniture, cioè di mobili, suppellettili e installazioni che consentono di rinnovare gli spazi abitativi mantenendo l’impronta personale e unica di chi ci vive, esaltandone il gusto e la storia.

 

 

 

 

COSA CREA L’ATELIER: GREEN GLAMOUR TRA ARTE E DESIGN, MODA E CULTURA


Le creazioni promosse dall’Atelier del Riciclo spaziano dall’interior design al wardrobe refashioning (ri-creazione di abitiaccessori moda) con un unico comun denominatore: il senso della bellezza come ‘fattore riqualificante’ del vissuto quotidiano. E non solo in senso estetico. Liberare l’oggetto della sua funzione codificata significa infatti liberare se stessi dall’abitudine al consumo condizionato e infondere creatività nel proprio quotidiano. E’ un processo che porta a un contatto più libero con le cose: una piccola, grande rivoluzione estetica che sgancia dall’omologazione e dalla logica della ripetizione coatta. Ogni oggetto, infatti, è unico. Rinasce dalle sue ceneri con la bellezza di un’araba fenice. E diventa qualcosa di prezioso, totalmente  nuovo, affascinante.

 

Newsletter

seguici su Twitter
seguici su Twitter